Enti Organizzatori
In collaborazione con
Media Partner
Con la collaborazione di

Speakers

Gregory Lang

Il Dottor Gregory Lang è professore di Fisiologia degli Alberi da Frutto alla Michigan State University, precedentemente ha prestato servizio presso le Università di Washington e della Louisiana. Ha conseguito la laurea in Pomologia e Fisiologia delle Piante all’Università della California-Davis. Il gruppo di ricerca di Greg è stato determinante nell’avanzamento delle conoscenze sulla fisiologia delle piante e nell’adozione di portinnesti nanizzanti precoci su ciliegio dolce. Il Dr. Lang ha ricevuto il Premio di Ricercatore Illustre nel 2001 da parte dell’Associazione Internazionale di Frutticoltura, il Graduate Educator Award dalla Società Americana per le Scienze Ortofrutticole nel 2010 e attualmente è capo del gruppo di lavoro sul tema Impianti e Sistemi Frutticoli della Società Internazionale per le Scienze Ortofrutticole. Greg viaggia molto spesso per parlare delle pratiche produttive del ciliegio e scambia idee ed esperienze con frutticoltori e scienziati di tutto il mondo.

Martin Balmer

Martin Balmer lavora dal 2003 come capo del dipartimento di ricerca frutticola e consulenza tecnica dello stato federale di Rheinland-Pfalz. Durante il periodo 1979-1985 ha studiato scienze ortofrutticole all’Università di Hannover (Germania) con un tirocinio pratico sulla produzione frutticola nella Germania del Nord ed in Francia. Le sue principali attività sono l’amministrazione finanziaria e del personale di aziende sperimentali e del team di consulenti; allo stesso tempo è docente del corso professionale per frutticoltori. Inoltre, è consulente specializzato su ciliegio dolce. Le prove che ha portato avanti su ciliegio sono state incentrate sulla produzione con l’impiego di coperture antipioggia, sulla valutazione delle cultivar e dei portinnesti e sulle forme di allevamento. Dal 2007 ad oggi è coordinatore del gruppo di lavoro nazionale su pesco dell’associazione tedesca frutticoltori.

Gregory Lang

Dr. Gregory Lang is a Professor of Tree Fruit Physiology at Michigan State University, having served previously on the faculties of Washington State University and Louisiana State University. He earned graduate degrees in Pomology and Plant Physiology from the University of California-Davis. Greg’s laboratory teams have been instrumental in advancing the physiological understanding and adoption of dwarfing precocious rootstocks for sweet cherries. Dr. Lang received the Distinguished Research Award in 2001 from the International Fruit Tree Association, the Graduate Educator Award from the American Society for Horticultural Science in 2010, and he currently serves as the Chair of the International Society for Horticultural Science working group on Orchard Systems and Plantations. Greg travels extensively to speak on cherry production practices, and exchange ideas and experiences, with growers and scientists worldwide.

Martin Balmer

Martin Balmer has been working  as head of the department of the fruit research and techinical advice for the federal state of Rheinland-Pfalz since 2003. From 1979 to 1985 he studied Horticultural Sciences at the University of Hannover (Germany), with practical training for fruit production in northern Germany and France. His key tasks are the personal and financial admnistration of the experimental farms and the team of advisors while at the same time he is a class teacher of the vocational course for fruit growers. Moreover, he is a special advisor for sweet cherries. The trials he developed on his own on cherry varieties are focused on rain-protected production and forcing, cultivar and rootstock assessment and tree training. From 2007 onwards he is the co-ordinator of the national stone fruit working group of the German fruit growers association.

Amandine Boubennec

Amandine Boubennec is currently an experimental engineer on sweet cherry at Ctifl (Interprofessional technical center for fruits and vegetables) located in the South of France. Member of the varietal performance and innovation unit. She is coordinator of the French cherry experimentation program. She entered The National Institute of Horticulture and Landscaping in 2008 in the ‘fruits, vegetables, nutrition and markets’ class. During her study period she spent 6 months at Corvinus University of Budapest (Hungary) as an exchange student in the Agriculture department. In 2012, she obtained the title of Horticultural Engineer, validated by her research on bacterial canker of kiwifruit (Actinidia sp.). After 5 years working for a major peach and nectarine production company, she joined the Ctifl where her key areas of research focus on the behavior of new varieties and rootstocks, and new orchard designs.

Guglielmo Costa

After graduation, Guglielmo Costa was appointed assistant professor in 1971, associate professor in 1983 at Bologna University and in 1986 Full Professor at Udine University. In 1997 he was tranferred back to Bologna University where served for two terms as Dept Head. Output of scientific papers: more than 90 in peer-reviewed international journals, several hundred technical publications and a large number of conference presentations (about 90 papers in 40 different volumes of Acta Horticulturae) concerning the use of plant growth regulators on different fruit specie, non-destructive assessment and prediction of fruit quality, by use of near infrared spectroscopy (NIRS) and by the DA-meter (patented by Bologna University). Recent awards received: – Dedication of a volume of Horticultural Reviews and the ISHS Fellow Award 2018 in recognition of contributions to horticulture research in Italy and throughout the world.

Amandine Boubennec

Amandine Boubennec è attualmente occupata come ingegnere sperimentale su ciliegio dolce al Ctifl (Centre techinque au service de la filière fruits et légumes), nel sud della Francia. E’ membro del team di valutazione della performance e dell’innovazione varietale del centro ed è coordinatrice del programma di sperimentazione francese su ciliegio. E’ entrata nell’Istituto Nazionale di Orticoltura e Paesaggio nel 2008 frequentando il corso “frutta, ortaggi, nutrizione e mercato”. Durante il suo percorso formativo ha trascorso sei mesi come studente in scambio alla Corvinus University di Budapest (Ungheria) presso il dipartimento di Agricoltura. Nel 2012 ha ottenuto il titolo di Ingegnere in Orticoltura, con una ricerca sulla batteriosi del kiwi (Actinidia sp.). Dopo aver lavorato cinque anni per una delle maggiori aziende produttrici di pesche e nettarine, si è unita al gruppo Ctifl dove le principali aree di ricerca si focalizzano sul comportamento di nuove varietà e portinnesti e sulla progettazione di nuovi sesti d’impianto.

Guglielmo Costa

Dopo la laurea, Guglielmo Costa è stato nominato assistente universitario nel 1971, professore associato nel 1983 all’Università di Bologna e nel 1986 professore ordinario all’Università di Udine. Nel 1997 è stato trasferito nuovamente all’Università di Bologna dove è rimasto in servizio per due mandati come direttore di dipartimento.
Produzione di articoli scientifici: più di 90 in riviste internazionali referenziate, diverse centinaia di pubblicazioni tecniche ed un elevato numero di presentazioni su atti di convegno (circa 90 articoli in 40 diversi volumi dell’Acta Horticulturae) riguardanti l’uso dei regolatori di crescita delle piante su diverse specie fruttifere, valutazioni non distruttive e previsione della qualità della frutta con l’uso della spettroscopia infrarossa (NIRS) e del DA-meter (brevetto dell’università di Bologna).
Recenti premi ricevuti: dedica del volume di Horticultural Reviews e ISHS Fellow Award 2018 in riconoscimento del contributo alla ricerca ortofrutticola in Italia ed in tutto il mondo.

Roberto Della Casa

Roberto Della Casa is Professor in “Marketing Management of Agricultural and Food Products” at the University of Bologna  – Italy and he is the founder and Managing Director of Agroter, a consulting company involved on the marketing of the fresh produce. He has concentrated his research and extension services mostly in the field fresh fruit and vegetables, particularly in relation to branding policies, distribution and logistical problems and more recently on the fresh cut business. He is the author of a number of international studies and publications about these issues. He is also a marketing consultant and economic adviser for blue-chip national and international companies and public institutions.

Moritz Knoche

Moritz Knoche is a graduate from Bonn University, Germany (BSc Agricultural Science, MSc Crop Science and Horticulture, PhD Horticulture, 1989). In 1989, he joined the laboratory of John Bukovac, Michigan State University in East Lansing as a postdoc to study cuticular penetration of plant growth regulators. In 1991, he worked as a research scientist at the DLO Institute for Agrobiology and Soil Fertility in Wageningen, The Netherlands.  Between 1995 and 2006, he was Full Professor for Horticulture at the Institute for Agronomy and Crop Science, Martin-Luther University Halle-Wittenberg, Halle, Germany. There his research on sweet cherry fruit cracking began. Since 2006 Moritz has been a Full Professor for Fruit Science at the Institute for Horticultural Production Systems, Leibniz University Hannover, Germany.

Roberto Della Casa

Roberto Della Casa è professore di “Marketing e Gestione dei Prodotti Agro-Alimentari” all’Università di Bologna ed è il fondatore ed amministratore delegato di Agroter, un’azienda di consulenza coinvolta nel marketing di prodotti freschi. Ha concentrato la sua ricerca, ed i servizi di assistenza tecnica offerti, principalmente nel settore dei prodotti ortofrutticoli freschi con particolare attenzione alle politiche di marchio, ai problemi logistici e di distribuzione e più recentemente anche sul business dei prodotti freschi tagliati. E’ autore di un certo numero di studi e pubblicazioni internazionali su questi temi. E’ anche un consulente economico e commerciale per aziende blue-chip nazionali ed internazionali ed istituzioni pubbliche.

Moritz Knoche

Moritz Knoche è laureato alla Bonn University, in Germania (Corso di laurea in Scienze Agrarie, laurea magistrale in Scienze Agrarie ed Orticoltura, Dottorato di ricerca in Orticoltura, 1989). Nel 1989 è entrato come assegnista di ricerca nel laboratorio di Jhon Bukovac, alla Michigan State University in East Lansing per studiare la penetrazione cuticolare dei regolatori di crescita nelle piante. Nel 1991, ha iniziato a lavorare come ricercatore all’istituto DLO per l’agrobiologia e fertilità del suolo a Wageningen, in Olanda. Tra il 1995 e il 2006, è stato professore di orticoltura all’istituto di agronomia e scienze agrarie alla Martin-Luther University Halle-Wittenberg ad Halle, in Germania. Lì è iniziata la sua ricerca sullo spacco del ciliegio. Dal 2006 Moritz è professore ordinario di colture arboree all’istituto per i sistemi di produzione orticola alla Leibniz University Hannover, in Germania.

Nicola Mori

Agrarian Sciences Degree (vegetable production), at the Agrarian Faculty of Padova University. PhD in Crops Protection at the Biology and Plant Protection Department – Udine University. Associate Professor in Agrarian Entomology (AGR/11) at the DAFNAE Department – University of Padova. Teacher of the “Biotechnology for arthropods control in plant products”, “Entomology” and “Sustainable use of pesticides” at the School of Agricultural Sciences and Veterinary Medicine Padova University. Author of 103 publications on scientific papers, 64 communications in proceedings and international meetings, 46 chapters on technical and informative books. Mains areas of research: Epidemiology and transmission of phytopathogenic agents; Integrated pest management in agricultural crops; Side effects of insecticides on beneficial organisms in agro-ecosystems

José Quero Garcia

José Quero Garcia is currently Researcher at INRA-Bordeaux, within the Department ‘Biology and Plant Breeding’. He is an ‘Agronomic Engineer’ from both the ‘Escuela Técnica Superior de Ingenieros Agronomos’ (ETSIA) of Madrid and the ‘Institut National Agronomique Paris-Grigon’ (INAP-G) of Paris. He defended his PhD thesis at CIRAD (Montpellier), in 2004, where he studied the diversity and the breeding of taros (Colocasia esculenta). After a two-year post-doctoral fellowship at ETSIA Madrid, he was hired by INRA in 2007, as permanent researcher, with the main responsibility of leading the sweet cherry breeding programme. From 2012 to 2016, he was the Chair of COST Action FA1104 ‘Sustainable production of high-quality cherries for the European market’.

Personal web page

Nicola Mori

Nicola Mori è laureato in Scienze Agrarie e Produzioni Vegetali all’Università di Padova. Ha conseguito il dottorato in Protezione delle Colture al dipartimento di Biologia e protezione delle Piante all’Università di Udine. E’ professore associato in Entomologia Agraria (AGR/11) al Dipartimento DAFNAE dell’Università di Padova. Inoltre, Nicola insegna “Biotecnologie per il controllo degli artropodi sui prodotti vegetali”, “Entomologia” e “Utilizzo sostenibile dei pesticidi” all’Università di Padova.E’ autore di 103 pubblicazioni su riviste scientifiche, 64 comunicazioni in atti di convegni e meeting internazionali e 46 capitoli in libri tecnici ed informativi. Le sue aree principali di ricerca riguardano l’epidemiologia e la trasmissione degli agenti fitopatogeni, la gestione integrata degli insetti su colture agrarie e gli effetti collaterali degli insetticidi sugli organismi utili negli agro-ecosistemi.

José Quero Garcia

José Quero Garcia è attualmente ricercatore all’INRA di Bordeaux, all’interno del dipartimento di “Biologia e Miglioramento Vegetale”. E’ ingegnere agronomo laureato sia alla ‘Escuela Técnica Superior de Ingenieros Agronomos’ (ETSIA) di Madrid che all’‘Institut National Agronomique Paris-Grigon’ (INAP-G) di Parigi. Ha difeso la sua tesi di dottorato al CIRAD (Montpellier), nel 2004, dove ha studiato la diversità e il miglioramento genetico della colocasia (Colocasia esculenta). Dopo due anni di studi post-dottorali al ETSIA di Madrid, è stato assunto all’INRA nel 2007 come ricercatore permanente, con la principale responsabilità di condurre il programma di miglioramento genetico su ciliegio dolce. Dal 2012 al 2016, è stato coordinatore della COST Action  FA1104 “Produzione sostenibile di ciliegie di alta qualità per il mercato europeo”.

Pagina web personale

Marco Dalla Rosa

MSc in Scienze Agrarie presso l’Università di Bologna, curriculum di Biotecnologie Alimentari; PhD in Biotecnologie alimentari.

Dal 2000 ad oggi Professore ordinario del settore Scienze e Tecnologie alimentari e Coordinatore del Consiglio di Corso di Laurea in Tecnologie Alimentari dell’Università di Bologna, Campus di Scienze degli Alimenti di Cesena.

Da gennaio 2011 al 2018 Direttore del CIRI agro-alimentare. dell’Università di Bologna.

Autore di circa 300 articoli scientifici, relatore in oltre 180 eventi in Italia e all’estero (H-index Google Scholar 37 SCOPUS 31). Responsabile scientifico di progetti di ricerca regionali e nazionali, coordinatore del progetto EU FOODSPROCESS (Marie Curie) e leader di U.O. di progetti EU: FAIR: CA su disidratazione osmotica; KBBE: Heatox, CHANCE, Track-Fast, Rescape, Core Organic Plus Ecoberries, e FoodNet, Iseki Food 1-2-3-4. ISEKI_Mundus 1-2). Chair della Conferenza EFFoST (2013) e co-chair della Conferenza Foodinnova® a Cesena nel gennaio 2017. Chair Value Chain FoodQST del CLUST-ER Agroalimentare della Regione Emilia Romagna.

Marco Dalla Rosa

MSc in Agricultural Sciences at the University of Bologna, curriculum of Food Biotechnology; PhD in Food Biotechnology.

From 2000 to present Professor of the Food Science and Technology sector and Coordinator of the Degree Course in Food Technology at the University of Bologna, Campus of Food Sciences of Cesena.

From January 2011 to 2018 Director of the CIRI agro-food industry. of the University of Bologna.

Author of about 300 scientific articles, speaker in over 180 events in Italy and abroad (H-index Google Scholar 37 SCOPUS 31). Scientific responsible for regional and national research projects, coordinator of the EU FOODSPROCESS (Marie Curie) project and U.O. of EU projects: FAIR: CA on osmotic dehydration; KBBE: Heatox, CHANCE, Track-Fast, Rescape, Core Organic Plus Ecoberries, and FoodNet, Iseki Food 1-2-3-4. ISEKI_Mundus 1-2). Chair of the EFFoST Conference (2013) and co-chair of the Foodinnova® Conference in Cesena (2017). Chair of the Value Chain FoodQST of the CLUST-ER Agri-food sector of the Emilia Romagna Region.

Enti Patrocinatori