Enti Organizzatori
In collaborazione con
Media Partner
Con la collaborazione di

PRESS

La coltura del ciliegio al centro di un simposio internazionale: a Vignola il 21 e 23 maggio intervenuti esperti da tutto il mondo

26 giugno 2019 – Agrimpresaonline.it

 

VIGNOLA (Modena) – Nell’annata più critica dal punto di vista climatico, non solo per le ciliegie, si è svolta a Vignola il 22 e 23 maggio la terza edizione dell’International Cherry Symposium organizzato dall’Università di Bologna e dal Consorzio ciliegia di Vignola Igp insieme all’Accademia nazionale di Agricoltura. Dopo le edizioni del 2011 e del 2015, la città nota a livello internazionale per essere la culla delle drupe rosse ha ospitato tecnici e accademici provenienti da tutte le parti del modo. Un appuntamento, purtroppo ‘bagnato’, che ha offerto agli addetti ai lavori un vasto bagaglio di contenuti tecnici e commerciali sulla frutta rossa che in Italia occupa oltre 30.300 ettari per una produzione di circa 114.900 tonnellate.
Impianti ad alta densità, tecnologia del post-raccolta, spacco dei frutti, tecniche colturali, lotta ai parassiti, nuove varietà e aspetti commerciali sono stati al centro della ‘due giorni’ in cui è stato sezionato ‘l’universo ciliegio’.
Di seguito riportiamo i sommari (abstract) redatti da alcuni relatori del simposio […]

Continua a leggere su AgrimpresaOnline.it

I super frutti (milionari) dell’Alma Mater

25 giugno 2019 – Corriere di Bologna

Di nome fanno Aryana, Dave, Lorenz, Saretta, Stephany e Valina. Di cognome, Sweet. Sono loro le regine delle produzioni agricole made in Unibo. Sono ciliegie rosso brillante, consistenti, dolcissime, messe a punto da ricercatori del Distal, il dipartimento di Scienze e tecnologie agro-alimentari dell’Alma Mater. Tra di loro poi c’è una superstar, la Lorenz, premiata qualche settimana fa. E ci sono anche le pere Lucy Sweet, Early Giulia, Debby Green e Lucy Red, le mele Rossa, Rosata e Rugginosa, il kiwi Dorì, altra superstar, e le susine, i formaggi e perfino il vino, prodotto dagli studenti del corsi di laurea in Viticoltura ed enologia, sempre del Distal.

Benvenuti nell’impresa agricola Alma Mater che ha un giro d’affari di centinaia di migliaia di euro. Dove ciò che natura crea nasce da una varietà, una ricerca, uno studio messo a punto da docenti e ricercatori di Unibo. Ed qui che gli studenti di Agraria diventano i coltivatori, e gli enologi, di domani. Ci sono i terreni di via Fanin, dove ha sede appunto il dipartimento, ma anche gli ettari dell’Azienda agraria universitaria, fondata nel 1974, con terreni a Ozzano e Granarolo. Qui si coltiva, e si sperimenta. E i prodotti […]

Continua a leggere su Corriere di Bologna o scarica il PDF

Ecco come contenere Drosophila con le pratiche agronomiche

19 giugno 2019 – ItaliaFruitNews

Se la cerasicoltura sta cambiando, la colpa è anche di Drosophila Suzukii, l’insetto rilevato in Italia per la prima volta nel 2009 e che ha trovato nel ciliegio una casa accogliente. Non c’è una soluzione che, da sola, riesca a contenere il dittero: l’unica strada possibile, come ha spiegato Nicola Mori(Università di Padova) durante il Simposio internazionale del ciliegio, è l’integrazione di diverse strategie partendo da una corretta gestione della coltura.

“La difesa contro Drosophila Suzukii risulta essere molto complessa in quanto le uova vengono deposte all’interno dei frutti sani durante le fasi finali della maturazione e le larve svolgono il loro ciclo completamente riparate all’interno della polpa del frutto – ha spiegato lo studioso – Per questo motivo la lotta è focalizzata prevalentemente a contrastare la presenza degli adulti e a proteggere […]

Continua a leggere su ItaliaFruitNews

Tra ricerca e attività per aziende siamo i più ricchi dell’Ateneo

19 giugno 2017 – Corriere di Bologna

 

Con un bilancio di 12 milioni di euro all’anno, tra progetti e conto terzi, il Distal, il dipartimento di Scienze e tecnologie agro-alimentari, è il più ricco dell’Ateneo. A dirigerlo è Giovanni Molari, che ha appena portato a termine un impegnativa opera di riorganizzazione, grazie alla confluenza dei due precedenti dipartimenti in uno solo e la contestuale soppressione della scuola. «Ora — spiega — siamo tra i dipartimenti più ampi con 150 docenti, 150 tecnici e amministrativi, 140 assegnisti di ricerca, 100 dottorandi e circa tremila studenti all’anno. Siamo uno dei dipartimenti di eccellenza secondo il ministero e per la prima volta siamo entrati tra i primi 50 nel QS World University Ranking».

Professore, come mai siete così «ricchi»?

«Sono entrate derivate da progetti e attività conto terzi. Coordiniamo dodici progetti europei e siamo partner in 34, a cui si aggiungono quelli nazionali. Tutti fondi che impieghiamo in gran parte per la ricerca».

Le ciliegie Unibo sono ormai delle star. Quando avete iniziato?
«L’attività di ricerca è iniziata vent’anni fa e ora sono prodotte in molte parti del mondo. Ne produciamo anche localmente, per migliorarle ulteriormente, a Cadriano e in un terreno in affitto a Vignola, sempre sotto l’Azienda agricola universitaria. La vendita delle privative vegetali, che sono […]

Continua a leggere su Corriere di Bologna oppure scarica il PDF

 

 

La ciliegia più buona d’Italia? La Sweet Lorenz dell’Alma Mater

10 Giugno 2019 – Unibo Magazine

 

 

Dopo Grace Star, premiata due anni fa come la più bella d’Italia, arriva un altro importante riconoscimento per le varietà sviluppate dai ricercatori dell’Alma Mater. La ciliegia, che di nome fa Lorenz e di cognome Sweet, ha vinto il premio di “Ciliegia più buona d’Italia”. La premiazione del concorso nazionale, giunto alla XXII edizione, si è svolta a Vignola lo scorso 2 giugno, dove la nuova varietà, presentata dall’azienda agricola Nino e Marisa di Savignano sul Panaro ha sfilato insieme ad altre quindici blasonate ciliegie di altrettanti comuni italiani.

 

 

Le ciliegie della famiglia Sweet sono state selezionate dall’Università di Bologna dopo dieci anni di sperimentazioni effettuate propio a Vignola. Si è partiti da vecchie varietà autoctone, i famosi Duroni di Vignola, portatori di caratteri qualitativi di assoluta eccellenza, incrociandoli con varietà di origine americana dotate di elevata produttività e fertilità.

“La nuova varietà – sottolinea il dr. Stefano Lugli del Distal, il padre di Lorenz – riunisce una serie di pregi in grado di soddisfare appieno le esigenze dei produttori e le richieste dei mercati e dei consumatori, sempre più orientati verso prodotti esteticamente attraenti e di elevata qualità. Con un certo orgoglio possiamo dire che il risultato della ricerca è stato pienamente raggiunto. E questo premio ne è un’ulteriore dimostrazione”.

Fonte: Unibo Magazine

Ciliegie, nuovi portinnesti più resistenti

05/06/2019 – ItaliaFruitNews

 

I portinnesti Gisela 5 e Gisela 6 si sono dimostrati idonei agli impianti ad alta densità in corso di sperimentazione nelle aziende delle province di Ferrara Bologna, visitate durante il terzo tour del Simposio internazionale della Ciliegia (clicca qui per leggere l’articolo). La produzione raggiunta dagli impianti dell’azienda Salvi Vivai e dell’azienda dell’Università di Bologna è quella desiderata, ma gli effetti del maltempo sono tangibili anche qui: pioggia e grandine hanno favorito il cracking dei frutti sulle varietà precoci. […]

Continua a leggere su ItaliaFruitNews

Ciliegio, il futuro è l’innovazione

31/05/2019 – Plantgest

Il ciliegio rappresenta una pianta sempre più apprezzata dagli agricoltori. I frutti delle piante di ciliegio inoltre sono sempre più gradite dai consumatori. Questo trend cerasicolo è positivo sia in Italia che nel mondo.

Diamo qualche numero sulla produzione mondiale e sulla coltivazione del ciliegioNel 2017 sono stati coltivati 416.445 ettari (erano 439.692 ettari nel 2016) per una produzione totale di 2.443.407 tonnellate (2.317.956 tonnellate nel 2016): rispetto al 2010 un +9% per superficie e un +15% circa per prodotto (Fonte dati Faostat). Il primato è della Turchia con 627.132 tonnellate per una superficie di 85.401 ettari. Seguono poi gli Usa con 318.140 tonnellate e 36.540 ettari, l’Iran con 140.081 tonnellate e 5.415 ettari e l’Uzbekistan con 136.609 tonnellate e 9.830 ettari. L’Italia con 118.259 tonnellate (erano 94.888 nel 2016) e 30.103 ettari (erano 29.970 nel 2016) si posiziona al sesto posto.

Nuove forme d’allevamento dell’albero di ciliegio, nuove varietà di ciliegio, la situazione del mercato e le minacce da cui difendersi: moltissimi gli spunti forniti a cerasicoltori e tecnici il 22 e 23 maggio scorso, a Vignola. Nella cittadina emiliana si è infatti tenuto l’International Cherry Symposium, a cui hanno partecipato i maggiori esperti mondiali della coltura. L’evento è stato organizzato dal’Alma Mater Studiorum Università di Bologna, dal Consorzio della ciliegia di Vignola Igp e dall’Accademia Nazionale di Agricoltura. Plantgest vi porta dentro l’evento con immagini ed interviste realizzate a margine delle conferenze e delle visite in campo che si sono svolte fra Vignola, Ferrara e nel veronese.

 

AgroNotizie e Plantgest sono state media partner dell’evento ICS 2019. Guarda su AgroNotizie lo speciale sul Simposio internazionale del cileigio 2019, una raccolta di tutte le news e approfondimenti tecnici pubblicati dal nostro quotidiano online.

Il video è stato prodotto da Plantgest.com e realizzato da Barbara Righini e Alessandro Piccolo con la collaborazione di Alma Mater Studiorum Università di BolognaConsorzio della ciliegia di Vignola IgpIps-International plant selectionScarabelli irrigazioneConsorzio agrario dell’Emilia e Fomet. Per ulteriori approfondimenti scopri la pagina dedicata al Ciliegio.

Fonte

Le ciliegie italiane finite k.o.

30/05/2019 – ItaliaOggi

 

Le ciliegie italiane sono nell’occhio del ciclone: l’insolita primavera ha colpito le produzioni, con le varietà più precoci k.o. e serie preoccupazioni per il futuro.

Problematiche d’attualità che il mondo della ricerca ha ben presente: la scorsa settimana a Vignola (Modena) si è tenuto l’International Cherry Symposium; esperti di fama mondiale si sono riuniti per tracciare l’identikit della ciliegia ideale e per parlare del mercato di questo frutto. Un mercato promettente, ma minacciato da alcuni fattori, insetti nemici e […]

Continua a leggere su ItaliaOggi

Ics di Vignola, tutte le ultime tendenze della cerasicoltura

27/05/2019 – AgroNotizie

 

I maggiori esperti mondiali di cerasicoltura si sono riuniti a Vignola (Mo), il 22 e il 23 maggio scorsi, per il terzo Simposio della ciliegia. Questa volta, a differenza delle precedenti, il convegno, seguito da diverse visite in campo, ha avuto carattere internazionale, sono infatti stati presentati i risultati di anni di ricerche scientifiche con esperti provenienti da ogni parte del mondo.

L’evento, organizzato dall’Università di Bologna in collaborazione con il Consorzio della ciliegia di Vignola Igp e con l’Accademia nazionale di agricoltura, ha visto punte di partecipazione che hanno superato i 500 presenti, fra tecnici, ricercatori, produttori e stakeholder, per la parte convegnistica. Le visite di campo invece si sono svolte fra […]

Continua a leggere su AgroNotizie

 

Cracking e Drosophila, strategie per la difesa al Simposio della ciliegia

27/05/2019 – Agronotizie

 

Cracking e Drosophila suzukii, le due sventure fanno passare notti insonni ai cerasicoltori, non solo agli italiani. Il problema cracking è stato affrontato a Vignola, durante il Simposio internazionale della ciliegia, il 22 e 23 maggio scorsi. D’altra parte il problema non potrebbe essere più d’attualità: la primavera piovosa di quest’anno ha compromesso gran parte della produzione di ciliegie precoci, in particolare in Puglia, la regione numero uno in Italia per produzione di […]

Continua a leggere su Agronotizie

Enti Patrocinatori