Enti Organizzatori
In collaborazione con
Media Partner
Con la collaborazione di

Tra ricerca e attività per aziende siamo i più ricchi dell’Ateneo

19 giugno 2017 – Corriere di Bologna

 

Con un bilancio di 12 milioni di euro all’anno, tra progetti e conto terzi, il Distal, il dipartimento di Scienze e tecnologie agro-alimentari, è il più ricco dell’Ateneo. A dirigerlo è Giovanni Molari, che ha appena portato a termine un impegnativa opera di riorganizzazione, grazie alla confluenza dei due precedenti dipartimenti in uno solo e la contestuale soppressione della scuola. «Ora — spiega — siamo tra i dipartimenti più ampi con 150 docenti, 150 tecnici e amministrativi, 140 assegnisti di ricerca, 100 dottorandi e circa tremila studenti all’anno. Siamo uno dei dipartimenti di eccellenza secondo il ministero e per la prima volta siamo entrati tra i primi 50 nel QS World University Ranking».

Professore, come mai siete così «ricchi»?

«Sono entrate derivate da progetti e attività conto terzi. Coordiniamo dodici progetti europei e siamo partner in 34, a cui si aggiungono quelli nazionali. Tutti fondi che impieghiamo in gran parte per la ricerca».

Le ciliegie Unibo sono ormai delle star. Quando avete iniziato?
«L’attività di ricerca è iniziata vent’anni fa e ora sono prodotte in molte parti del mondo. Ne produciamo anche localmente, per migliorarle ulteriormente, a Cadriano e in un terreno in affitto a Vignola, sempre sotto l’Azienda agricola universitaria. La vendita delle privative vegetali, che sono […]

Continua a leggere su Corriere di Bologna oppure scarica il PDF

 

 

Enti Patrocinatori