Enti Organizzatori
In collaborazione con
Media Partner
Con la collaborazione di

Archivi del giorno: 19 Giugno 2019

Ecco come contenere Drosophila con le pratiche agronomiche

19 giugno 2019 – ItaliaFruitNews

Se la cerasicoltura sta cambiando, la colpa è anche di Drosophila Suzukii, l’insetto rilevato in Italia per la prima volta nel 2009 e che ha trovato nel ciliegio una casa accogliente. Non c’è una soluzione che, da sola, riesca a contenere il dittero: l’unica strada possibile, come ha spiegato Nicola Mori(Università di Padova) durante il Simposio internazionale del ciliegio, è l’integrazione di diverse strategie partendo da una corretta gestione della coltura.

“La difesa contro Drosophila Suzukii risulta essere molto complessa in quanto le uova vengono deposte all’interno dei frutti sani durante le fasi finali della maturazione e le larve svolgono il loro ciclo completamente riparate all’interno della polpa del frutto – ha spiegato lo studioso – Per questo motivo la lotta è focalizzata prevalentemente a contrastare la presenza degli adulti e a proteggere […]

Continua a leggere su ItaliaFruitNews

Tra ricerca e attività per aziende siamo i più ricchi dell’Ateneo

19 giugno 2017 – Corriere di Bologna

 

Con un bilancio di 12 milioni di euro all’anno, tra progetti e conto terzi, il Distal, il dipartimento di Scienze e tecnologie agro-alimentari, è il più ricco dell’Ateneo. A dirigerlo è Giovanni Molari, che ha appena portato a termine un impegnativa opera di riorganizzazione, grazie alla confluenza dei due precedenti dipartimenti in uno solo e la contestuale soppressione della scuola. «Ora — spiega — siamo tra i dipartimenti più ampi con 150 docenti, 150 tecnici e amministrativi, 140 assegnisti di ricerca, 100 dottorandi e circa tremila studenti all’anno. Siamo uno dei dipartimenti di eccellenza secondo il ministero e per la prima volta siamo entrati tra i primi 50 nel QS World University Ranking».

Professore, come mai siete così «ricchi»?

«Sono entrate derivate da progetti e attività conto terzi. Coordiniamo dodici progetti europei e siamo partner in 34, a cui si aggiungono quelli nazionali. Tutti fondi che impieghiamo in gran parte per la ricerca».

Le ciliegie Unibo sono ormai delle star. Quando avete iniziato?
«L’attività di ricerca è iniziata vent’anni fa e ora sono prodotte in molte parti del mondo. Ne produciamo anche localmente, per migliorarle ulteriormente, a Cadriano e in un terreno in affitto a Vignola, sempre sotto l’Azienda agricola universitaria. La vendita delle privative vegetali, che sono […]

Continua a leggere su Corriere di Bologna oppure scarica il PDF

 

 

Enti Patrocinatori